1. ASSETTI PROPRIETARI
  2. ORGANIZZAZIONE DELLA SOCIETA'
  3. ORGANO DI AMMINISTRAZIONE
  4. COLLEGIO SINDACALE
  5. ASSEMBLEA

 

Assetti proprietari

Il capitale della Società, costituito esclusivamente da Azioni ordinarie, interamente liberate e assistite di voto sia nelle assemblee ordinarie che in quelle straordinarie, è di euro 41.878.904,65 diviso in 810.821 azioni del valore nominale di euro 51,65 ciascuna. Il capitale sociale deve essere posseduto interamente da Enti Locali che abbiano sottoscritto la Convenzione ex art 30 del TUEL per la fornitura del servizio idrico integrato.

I soci che possiedono azioni della Società sono 123 Comuni, la Provincia di Udine, l' U.T.I. della Carnia, l'U.T.I. del Gemonese e l'U.T.I. del Canal del Ferro - Val Canale. Il pacchetto azionario minore è costituito da 3 azioni corrispondenti al 0,0004% del capitale sociale mentre il pacchetto azionario maggiore è costituito da 26.953 azioni corrispondenti al 3,32% del capitale sociale.

 

Organizzazione della Società

Lo statuto della Società prevede che l'organizzazione si caratterizzi con la presenza:

  • di un Consiglio di Amministrazione o di un Amministratore Unico incaricato di provvedere alla gestione aziendale
  • di un Collegio Sindacale chiamato a vigilare circa l'osservanza della legge e dello Statuto, nonché dei principi di corretta amministrazione nello svolgimento delle attività sociali e sull'adeguatezza della struttura organizzativa
  • dell'Assemblea dei soci, competente a deliberare, tra l'altro, in merito alla nomina e alla revoca dell'Organo di Amministrazione e del Collegio Sindacale e circa i relativi compensi e responsabilità, l'approvazione del Bilancio e alla destinazione degli utili, alla modifica dello Statuto, all'emissione di obbligazioni convertibili.

L'attività di revisione legale è affidata ad una Società iscritta all'Albo dei Revisori contabili nominata dall'Assemblea dei soci su proposta del Collegio Sindacale.

Il cosiddetto "controllo analogo" previsto per le società in-house providing dai regolamenti della Comunità Europea è esercitato dal Coordinamento soci il quale emette pareri vincolanti per l'Assemblea e per l'Organo Amministrativo in merito a quanto previsto nella Convenzione ex-art 30 del TUEL e con le modalità descritte nell'art. 25bis dello Statuto. Il Coordinamento soci, a sua volta, ha nominato una Commissione composta da sette membri per snellire il rapporto tra il Coordinamento soci e l'organizzazione aziendale.

Torna all'inizio

Organo di Amministrazione

Come previsto dall'art. 16 dello Statuto Sociale l'Organo di Amministrazione di CAFC S.p.A. può essere composto da un Amministratore Unico o da un Consiglio di Amministrazione formato da 3 a 5 componenti, nominati dall'Assemblea dei soci in conformità della volontà degli enti locali azionisti manifestata in sede di Coordinamento dei Soci previsto dall'articolo 25 bis dello statuto. Gli amministratori durano in carica fino a 3 esercizi sociali, scadono alla data dell'assemblea convocata per l'approvazione del bilancio relativo all'ultimo esercizio della loro carica e sono rieleggibili.

La gestione dell'impresa spetta all'Organo di Amministrazione che compie le operazioni necessarie per l'attuazione dell'oggetto sociale, fermo restando la necessità di specifica autorizzazione dell'assemblea nei casi richiesti dalla legge. L'Organo di Amministrazione può delegare proprie attribuzioni, escluse quelle espressamente riservate per legge o dal presente statuto alla sua competenza, ai sensi dell'art. 2381 C.C. e può altresì nominare procuratori determinandone i poteri e i limiti di firma o mandatari per determinate operazioni e per una durata limitata nel tempo delegando anche persone non facenti parte del consiglio di amministrazione quali dirigenti o dipendenti. Non sono delegabili, oltre a quelli che la legge riserva inderogabilmente al Consiglio stesso, le decisioni sui seguenti atti:

  1. i piani programma annuali e pluriennali e i budget di esercizio;
  2. la politica generale degli investimenti e dei prezzi;
  3. la nomina, sospensione e licenziamento del direttore generale;
  4. le convenzioni e gli accordi con i soggetti di diritto pubblico per l'accettazione e la modifica di contratti di servizio;
  5. l'assunzione di mutui;
  6. l'acquisto e la vendita di beni immobili e le operazioni immobiliari di importo superiore ad euro 1.032.914,00.
     

Consiglio di Amministrazione

Come previsto dall'art. 24 dello Statuto, la rappresentanza della società di fronte ai terzi ed in giudizio spetta all'Amministratore Unico o al Presidente del Consiglio di Amministrazione o a chi ne fa le veci con l'uso della firma sociale. Oltre a quanto indicato specificatamente nello Statuto, al Presidente spettano anche tutti i compiti ed i poteri a lui delegati dal Consiglio di Amministrazione

Torna all'inizio

Collegio Sindacale

Come previsto dall'art. 25 dello Statuto Sociale il Collegio Sindacale di CAFC S.p.A. si compone del presidente, di due sindaci effettivi e di due sindaci supplenti nominati dall'Assemblea della società in conformità della volontà degli enti locali soci manifestata in sede di Coordinamento dei Soci previsto dall'articolo 25 bis dello statuto. I sindaci restano in carica 3 esercizi, scadono alla data dell'assemblea convocata per l'approvazione del bilancio relativo all'ultimo esercizio della loro carica e sono rieleggibili.

Assemblea

L'assemblea rappresenta la totalità dei soci ed è l'organo deputato a definire la politica ed i piani di sviluppo della società. L'assemblea si riunisce in sede ordinaria almeno un volta all'anno, entro centoventi giorni dalla chiusura dell'esercizio sociale, per l'approvazione del bilancio. Si riunisce inoltre in sede straordinaria ogni qualvolta il Consiglio di Amministrazione lo ritenga opportuno e nei casi previsti dalla legge. L'assemblea ordinaria, nel rispetto di quanto stabilito dal Coordinamento dei soci ai sensi dell'art. 25 bis dello statuto, delibera sugli oggetti attribuiti dalla legge alla sua competenza e in particolare:

  • approva il bilancio;
  • nomina l'Organo Amministrativo, i sindaci e il Presidente del Collegio Sindacale, e il soggetto al quale è demandato il controllo contabile, ai sensi della vigente normativa;
  • determina il compenso degli amministratori e dei sindaci;
  • delibera sulla responsabilità degli amministratori e dei sindaci;
  • approva l'eventuale regolamento dei lavori assembleari;
  • delibera sugli altri oggetti attribuiti dalla legge alla competenza dell'assemblea.

Torna all'inizio